Loading
02Feb 2017

0

7226

0

Come studiare meglio di notte

Programmare un piano di studi è essenziale per non ritrovarsi la notte prima di un esame in preda a “ripassi furiosi e disperatissimi”, inoltre, come afferma uno studio condotto dalla University of California, Andrew J. Fulgini, e pubblicata sulla rivista Child Development, studiare di notte è controproducente.

Rifacendosi agli studi di Johannes Holz, gli apprendimenti che hanno a che fare con la memoria dichiarativa (ricordare una canzone, una poesia, uno scritto o anche solo un numero di telefono) sono più fruttuosi al mattino dopo una bella dormita. Ma non per tutti ovviamente è così: esistono persone che prediligono studiare di notte e, un gruppo ancor maggiore di persone, che tende a fare maratone di studio notturne prima di un esame. Chi non ha mai passato una nottata sui libri durante il proprio percorso universitario?


Ecco quindi alcuni consigli per rendere queste nottate proficue.

1) Dormire almeno tre ore.
Per prima cosa, evitare di dormire per tutta la notte e presentarsi in “after” prima di un esame è tutt’altro che una scelta saggia. E’ fondamentale dormire almeno 3 ore. Oltre ai vari effetti negativi che tutti conosciamo legati al non-dormire, come mal di testa e spossatezza, il sonno è una tappa fondamentale del processo di consolidamento dei ricordi appresi durante il giorno.
A tutto c’è un limite quindi mettetevi la coscienza in pace e almeno 3 ore prima dell’ora della sveglia accantonate libri e appunti e concedetevi un buon sonno ristoratore.

2) Cena leggera.
Non c’è cosa peggiore per chi si appresta ad affrontare una notte di studio che una cena pesante. Il motivo? Semplice, mangiare troppo a cena vi causerà sonnolenza quando poi sarete sui libri. Questo accade poiché la digestione richiede molte energie, energie che solitamente vengono utilizzate da muscoli e cervello vengono convolgliate all’apparato digerente.
Cena leggera quindi, se proprio vi sentite affamati, potrete poi sgranocchiare qualche snack durante lo studio.

3) Stare seduti
Nel caso in cui steste pensando che studiare sdraiati sul letto sia una buona idea, siete in errore. Sdraiarsi sul divano o nel letto infatti rischierà soltanto di farvi addormentare.
Scrivania, sedia e schiena dritta restano gli alleati migliori. Ricordatevi anche d’avere dalla vostra parte anche una buona illuminazione, una luce leggera vi invoglierà soltanto a mollare tutto e a dormire.

4) Pause
E’ importante fare una pausa almeno una volta ogni ora. “Mens sana in corpore sano” amava ripetere Giovenale. Alzatevi, sgranchitevi le ossa e staccate per qualche minuto. Durante questo lasso di tempo il vostro cervello elaborerà indirettamente ciò che avete appena studiato.
Anche una bella e veloce doccia fredda (non calda, altrimenti rischiereste di addormentarvi una volta usciti) aiuta.

5) Caffè e integratori alimentari
I benefici del caffè li conosciamo tutti, attenzione a non esagerare però, come afferma infatti il farmacologo e nutrizionista professor Michele Carruba, del Dipartimento di farmacologia, chemioterapia e tossicologia medica dell’Università Statale di Milano: “Caffè e caffeina, come anche le bibite contenenti sostanze stimolanti, vanno usati con estrema cautela. Un buon caffè aiuta il risveglio e fa bene quando la vigilanza è bassa. Ma nel corso della giornata, quando si è già stimolati, influisce sulla funzione cardiaca e può provocare palpitazioni e tachicardia, rischiando di far salire troppo lo stress, ben oltre la soglia fisiologica”.
Ecco perché all’interno di Mind the Gum è stato inserito un quantitativo di caffeina appositamente studiato. Ma non solo, all’interno di Mind the Gum vi è anche Teanina, un amminoacido utilizzato per i suoi effetti rilassanti, spesso associata alla caffeina per ridurne gli effetti indesiderati.
Che cos’è Mind the Gum se ancora non lo conosci?
Mind The Gum è un integratore alimentare sotto forma di chewing gum. Al suo interno contiene componenti attive per concentrazione, memoria e per combattere la stanchezza mentale.
Ecco perché Mind the Gum è l’alleato ideale per una maratona di studio, grazie alle quindici componenti attive contenute al suo interno, combinate all’azione della Masticazione (se non l’hai ancora fatto, puoi leggerne i benefici Qui) e dell’assorbimento sublinguale (Qui), è ciò che serve per le sessioni di studio più impegnative.

Passa anche tu a Mind the Gum per affrontare al massimo ogni tuo impegno, ci trovi nelle più importanti farmacie delle città italiane oppure sul nostro E-commerce.

Comments (0)