Loading
03Mag 2017

0

1632

0

“Mind the Gum? Mi aiuta a migliorare l’energia e la concentrazione facendomi ottimizzare il lavoro”

Abbiamo scoperto che tra gli utilizzatori di Mind the Gum si nasconde anche una campionessa mondiale di boxe: Vissia Trovato.
Cosa c’entra la Boxe con un integratore per memoria, concentrazione ed energia? La Boxe è uno sport dove la concentrazione è molto importante, non si può mai abbassare la guardia. Basta una minima distrazione e rischi di compromettere tutto.
Ecco cosa ci ha detto e come si trova da quando utilizza Mind the Gum.

Ciao Vissia, iniziamo con le solite generalità, raccontaci un po’ chi sei e cosa fai nella vita.
Ho 34 anni e vivo in provincia di Milano, mi sono laureata prima in restauro d’arte contemporanea in seguito ho deciso di studiare seriamente per la passione che ho coltivato fin da piccolissima ossia il canto.
Così mi sono diplomata alla scuola Civica di Milano in canto Jazz.
Canto con diverse band e formazioni e mi esibisco nei locali da quando avevo 16 anni, e da una decina d’anni insegno canto nelle scuole di musica o privatamente.
Da quando la boxe ha iniziato a fare parte della mia vita, tuttavia le ore della giornata dedicate alla musica hanno dovuto ridimensionarsi.
Ho combattuto 3 anni da dilettante disputando 33 incontri. Nell’agosto 2015 ho debuttato come professionista e l’anno scorso ho vinto a Giugno il titolo europeo nella categoria dei piuma (57, 5 kg), e a novembre il titolo Mondiale IBO nella categoria dei superato (55,3 kg). Nel 2015 ho anche superato l’esame di aspirante tecnico di pugilato.
Così da qualche anno ho iniziato ad occuparmi della gestione della palestra di pugilato dedicandomi anche ad insegnare questa disciplina oltre che ovviamente a fare l’atleta agonista.

Quando hai iniziato a praticare questo sport?
L’incontro con il pugilato è avvenuto abbastanza tardi, poco prima di compiere 28 anni.
Tutto è accaduto abbastanza casualmente: cercavo una disciplina che mi offrisse un percorso nel quale potessi pormi degli obiettivi sportivi e non solamente estetici, e che contemporaneamente fosse anche molto intensa perché era un periodo della mia vita nel quale avevo molte energie.
La scelta cadde sulla boxe principalmente perché gli orari della palestra si adattavano meglio ai miei impegni.
In pochissimo tempo però questa scelta casuale si tramutò in folle amore!

I momenti più duri che hai dovuto sopportare?
Il 2016 è stato un anno davvero soddisfacente a livello sportivo ( titolo europeo e mondiale conquistati a distanza di pochi mesi l’uno dall’altro), ma dietro questi meravigliosi traguardi si sono nascosti 12 mesi di grande fatica.
Oltre allo stress mentale e fisico che la preparazione di questi appuntamenti riserva, e la dieta stretta che in certi momenti trasformerebbe il più dolce micio in un feroce leone,  si sono sommati momenti duri derivanti dalla mia vita privata. Questioni familiari ed economiche che hanno aggiunto davvero un grosso carico da sopportare.

Hai mai pensato di mollare tutto?
“La boxe la fai se hai fame, non importa di cosa”.
Questa frase è scritta a caratteri cubitali sulla porta d’entrata della palestra. Credo che riassuma molto chiaramente l’essenza di questo sport: una ricerca quasi atavica di appagamento, stimolata da un senso profondo ed interiore di vuoto.
Ognuno ha le sue ragioni per praticare il pugilato, e non deve necessariamente essere un animo violento che vive ai margini della società, anzi, spesso si rivelano ottimi pugili ragazzi e ragazze che al contrario fuori dal ring sono dei pezzi di pane, educatissimi e pronti a farsi in 4 per chiunque ne abbia bisogno. Il ring mette a nudo gli aspetti più intimi di noi, e se siamo capaci di guardarli in faccia e affrontarli, ci permettono di sentire la soddisfazione di esprimerci al 100%.
Tuttavia la vita del pugile è al 95% fatica e al 5% appagamento. Non è uno sport facile, non è un ambiente facile e non è uno sport che arricchisce molti. Anzi a malapena è possibile sopravvivere decorosamente.
A maggior ragione se sei una donna (la boxe femminile è ancora guardata da molti con sospetto) e sei italiana (i tempi d’oro dei pugili italiani sono ormai lontani, adesso viviamo in un paese sottomesso al calcio e interessato a  pochissimi altri sport).
Per queste ragioni non sono rari i momenti in cui ti chiedi se vale la pena fare tutta questa fatica… Eppure anche se sembra assurdo a chiunque non sia pugile, quel 5% basta e avanza a farti continuare!

La più grande soddisfazione che questo sport ti ha dato?
Stringere in mano le due cinture vinte l’anno scorso mi ha sicuramente fatto esplodere il cuore di gioia, ma la soddisfazione più grande è stato dimostrare a me stessa di poter far avverare i sogni semplicemente perseguendoli con costanza, e avendo qualcuno che crede in te. Per questo devo sinceramente ringraziare il mio allenatore e compagno Alfredo Farace, il quale non ha mai avuto dubbi sulle mie potenzialità.

Hai altre passioni oltre alla Boxe?
Come ho già detto, sono una cantante, e continuo a portare avanti questa professione e passione  anche se alle volte bisogna fare i salti mortali per fare tutto e le giornate sembrano durare 40 ore!
Inoltre ho due cani che adoro con i quali vado tutti i giorni a correre e che trascorrono la giornata con me in palestra, assistono tutti gli allenamenti e le sedute di sparring sul ring!
In che modo Mind the Gum ti aiuta durante la giornata?
Ho trovato davvero interessante l’utilizzo di Mind the Gum prima della seduta quotidiana di pesi. Ho riscontrato che mi aiuta a migliorare l’energia e la concentrazione facendomi ottimizzare il lavoro e permettendomi di raggiungere massimali elevati.

A chi lo consiglieresti?
Credo che sia un ottimo integratore da assumere per gli allenamenti che richiedono oltre alle energie muscolari, anche quelle mentali.
Il perfezionamento di una tecnica, di un gesto, di un movimento. Il test di un nuovo sistema di allenamento o nel praticare una gara di prova. Nel sollevamento pesi quando si lavora con poche ripetizioni e carico elevato.

Un’ultima domanda: Ti sei già posta dei nuovi obiettivi da raggiungere?
Certo! Le sigle mondiali più importanti sono 5 , quindi ho ancora 4 cinture da conquistare !! Con il mio team sto già lavorando in questo senso: combatterò per un titolo intercontinentale il 21 Maggio prossimo!

 

E tu che aspetti a passare a Mind the Gum? Non perdere altro tempo, puoi acquistarlo comodamente online sul nostro e-commerce.

Comments (0)