Loading
23Gen 2018

0

885

0

Quanta caffeina serve veramente per concentrarsi?

la caffeina aiuta a concentrarsi?

Si sa, la caffeina è da sempre l’alleato più prezioso per chi ha bisogno di concentrarsi durante le sessioni di studio o quando il lavoro si fa più intenso. Ma quanta caffeina (o caffè) servono veramente per concentrarsi?

Per prima cosa: è un effetto placebo o il caffè aiuta veramente a concentrarsi?
Una tazzina di caffè può aumentare la velocità di elaborazione delle informazioni del nostro cervello del 10%. Secondo la European Food Safety Authority, EFSA, la dose di caffeina in grado di iniziare a migliorare la soglia di attenzione e la concentrazione è di circa 75 milligrammi.
Nel 2010 uno studio ha comparato gli effetti della caffeina sull’attenzione tra i consumatori abituali e quelli non abituali. I risultati hanno dimostrato che gli effetti dipendono dalle dosi: nei consumatori non abituali sono necessari almeno 200 milligrammi di caffeina, circa 2 tazzine al giorno, mentre nei consumatori abituali la dose minima è di 400 milligrammi, circa 4 tazzine. Lo sappiamo, non temete, molti di voi 4 tazzine le bevono prima di mezzoggiorno ma è assolutamente sbagliato perché si ottiene l’effetto opposto.

Il funzionamento della caffeina è molto semplice: la caffeina blocca il recettore della adenosina, una sostanza che agisce su diversi processi biochimici. In parole povere, quando siamo stanchi è perché il nostro organismo ha molta adenosina in circolo.
Qui entra in gioco la caffeina che inibisce la funzione della adenosina sostituendola nel sistema nervoso. Grazie al fatto che le molecole della caffeina sono simili a quelle della adenosina, i ricettori della adenosina accolgono la caffeina e, come per magia, la stanchezza scompare.

Il caffè è in grado di migliorare anche la memoria?

Alcuni studi hanno evidenziato che basse dosi di caffeina, circa due tazzine al giorno, migliorano il funzionamento della memoria.

Cosa succede se eccedo con le dosi di caffeina?

Esagerare è altamente sconsigliato: superare le dosi consigliate infatti porta ad una sovrastimolazione in grado di favorire, al contrario, il deterioramento. Non solo la dose però è da tenere in considerazione, ma anche la personalità del bevitore: uno studio del 2010 suggerisce gli effetti benefici sono maggiori nelle persone estroverse, mentre per gli introversi non si notano miglioramenti sensibili.

L’effetto più spiacevole della caffeina però è la sovraeccitazione. E, come ben sappiamo, l’agitazione e l’ansia sono spesso e volentieri i nemici numero uno della concentrazione.

Ed è proprio per questo motivo che all’interno di ogni dose giornaliera consigliata di Mind the Gum, un integratore alimentare in chewing gum contenente al suo interno 15 componenti attive, insieme a 150 milligrammi di caffeina, sono stati inseriti 180 milligrammi di L-Teanina, un amminoacido libero con effetti rilassanti ed ansiolitici.
In questo modo potrete godere degli effetti positivi della caffeina senza imbattervi in quelli negativi.
Mind the Gum è quindi l’alleato perfetto quando la concentrazione viene meno, sempre a portata di mano nelle piccoli e grandi sfide quotidiane.
Sei pronto a non fermarti mai? Puoi acquistarlo sul nostro ecommerce oppure su Amazon.

Comments (0)