Loading
06Mar 2018

0

2582

0

Come gestire il tempo per essere efficienti

Imparare come gestire il tempo per essere efficienti è una vera e propria arte che prende il nome di Time Management.

Il Time management (o gestione del tempo in italiano) è un processo di pianificazione e controllo del tempo utilizzato per specifiche attività, in particolare per aumentare l’efficacia, l’efficienza e la produttività.

Esistono diversi piccoli e grandi accorgimenti in grado di aumentare la nostra efficienza e, di conseguenza, la nostra produttività, vediamone alcuni insieme.

18 minuti.

Questa tecnica è stata creata da Peter Bregman, tra i più famosi coach americani, ma in cosa consiste? È molto più semplice di quanto credi.
Ad inizio giornata dedica 5 minuti per capire bene quali sono le task e i compiti che devi portare a termine; stila una lista delle attività o fai un elenco dei tuoi compiti quotidiani.
Una volta giunto in ufficio, punta una sveglia ogni ora. Al suono della sveglia, fermati e rifletti se quello che hai fatto è stato produttivo o meno.
Ripeti il tutto per le restanti ore d’ufficio, ogni ora fermati un minuto e pensa.
Al termine della giornata lavorativa, fermati 5 minuti e rifletti se tutte le attività che hai svolto sono state produttive o meno, infine, dai un giudizio da 1 a 10 al tuo lavoro.
La somma dei minuti totali dedicati a darsi un giudizio sulla produttività è pari a 18 minuti al giorno, da cui prende il nome la tecnica.

Grazie a questa tecnica, imparerai ad ottimizzare le varie ore della giornata, a capire queli sono le mansioni che vanno rese più efficienti e quali ti fanno perdere più tempo inutilmente.
Mentre rifletti puoi fare un piccolo spuntino, lo sapevi ad esempio che il cioccolato migliora la concentrazione?

COPE

Ripetete spesso la frase “Ah se avessi più tempo a disposizione” o “Non ho mai tempo per far ciò che voglio?”. Se la risposta è sì, questa tecnica vi verrà in aiuto.
Si chiama Clear Organized Productive Efficient, o più semplicemente Cope, ed è un metodo elaborato da Peggy Duncan, una dei massimi esperti di produttività personale
Questa tecnica ha come fine ultimo quello di far comprendere alle persone perché hanno la sensazione che il tempo non sia mai abbastanza facendogli analizzare i problemi alla radice e facendogli eliminare tutte le attività che invece fanno perdere tempo.
A fine giornata ritagliati 10 minuti di tempo e rifletti su tutte le attività inutili che hai svolto durante la giornata. Ti sorprenderai le prime volte di quanto tempo hai buttato nell’arco della giornata. Comprendendo alla radice il problema ti aiuterà a risolverlo.
Un altro suggerimento importante è quello di sistematizzare tutte le attività ripetitive. Ti capita di mandare email molto simili durante la giornata? Bene, crea un template da poter riutilizzare ogni volta senza perdere tempo.

ABC e Analisi di Pareto

Come spiega bene Mirko Ferrari, “Per prima cosa è necessario classificare con le lettere A, B e C ciascuna attività da svolgere, dove:
A = Attività importanti e urgenti;
B = Attività importanti, ma non urgenti;
C = Attività né importanti, né urgenti.

Il passo successivo è quello di evidenziare le attività che richiedono meno tempo e svolgerle per prima, questo aumenterà la produttività proprio perché il principio di Pareto afferma che l’80% delle attività sono svolte nel 20% del tempo a disposizione. Solo alla fine svolgere le attività che richiedono più tempo, ma a quel punto l’80% del lavoro sarà stato già svolto”.

Autofocus

L’autofocus è un sistema creato da Mark Foster ed è molto semplice da applicare

-Prendi un’agenda e crea un elenco della tua to-do List.
-Dai una veloce occhiata all’elenco che hai appena stilato.
-Ora riguardalo punto per punto ma con più attenzione, punto per punto, scegline una dall’elenco e inizia a svolgerla.
-Lavora su quella attività fino a quando non la porti a termine, se la termini cancellala, altrimenti riscrivila in fondo all’elenco.
-Ora ricomincia, occhiata rapida a tutte le task e prendi quella che ti coinvolge maggiormente, e inizia a svolgerla.
Perché è importante e in che modo ci aiuta questa tecnica? Perché partiamo da ciò che più ci piace e, ogni volta che cancelliamo una attività nel nostro cervello si stimola un processo di autoconvincimento che ci porta ad essere più produttivo.
Se iniziassimo da ciò che ci piace meno, otterremmo un risultato opposto, ovvero un allungamento del tempo richiesto per ogni singola attività e un calo generale della nostra produttività.

Scegli una di queste tecniche e mettile in pratica, noterai tu stesso che, imparando a gestire bene il tempo, diverrai pian piano più efficiente e produttivo.

Esistono anche diversi integratori in grado di aiutarti nelle tue performance e nella tua produttività generale.
Uno di questi è Mind the Gum, un chewing gum contenente al suo interno 15 componenti attive che, combinate all’atto della masticazione, sono in grado di supportarti durante le ore lavorative aiutando la tua concetrazione.
Se sei interessato a provarlo ed iniziare anche tu a non fermarti mai, puoi trovare Mind the Gum sul nostro eCommerce o su Amazon.

Comments (0)