3 semplici tecniche (più una) per migliorare la concentrazione

 In Non categorizzato

Migliorare la concentrazione significa riuscire a finire prima ogni nostra mansione, sia essa lavorativa o di studio. Esistono modi per farlo? Certo che sì, eccovi tre semplici tecniche per migliorare la concentrazione.

1)Vuoi migliorare la concentrazione? Sforzati.

“Grazie mille” starai pensando ma è proprio così.
La mente va allenata, è come un muscolo, se fate una serie di addominali i più difficili da eseguire saranno gli ultimi. Allo stesso modo, il nostro cervello, se abituato a rimanere focalizzato ogni giorno qualche minuto in più rispetto al giorno precedente, si “allenerà” e si abituerà a rimanere concentrato più a lungo.
“La mente è come un paracaduta, funziona solo se la si apre” amava ripetere Einstein.
Non serve strafare, bastano due minuti in più al giorno.

2)Migliorare la concentrazione con la tartaruga.

La tartaruga è un bellissmo animale, ma non è questo il punto.
Nel nostro caso è un semplice fermacarte, se siete amanti di William Burroughs potrete usare anche una scimmietta, non è l’oggetto ad essere importante.
Il compito di questo fermacarte è quello di ricordarti le priorità.
Ricordati sempre che il nostro cervello e la nostra mente lavorano meglio se siamo concentrati su una cosa alla volta, l’essere multitasking è una bellissima feature per un cellulare, non per l’essere umano.
Posizionate quindi il nostro fermacarte sui fogli che contengono le mansioni che dovrai svolgere in seguito o sui libri che dovrai leggere successivamente.
Molti psicologi consigliano di posizionare il tutto dietro le spalle, su un mobiletto che sta dietro di voi. L’obiettivo è quello di tenere il vostro lavoro successivo il più lontano possibile da voi evitando così che possano distrarvi da ciò che state facendo in quel momento.

3)Il pomodoro? Aiuta a migliorare la concentrazione.

La tecnica del pomodoro è una strategia di focalizzazione e gestione del tempo inventata negli anni ’80 da Francesco Cirillo, sviluppatore di software.
“Ma cosa sarebbe?” mi ha chiesto il mio collega mentre gliene parlavo, continua a leggere, ora te lo spiego. Questa tecnica consiste nel concentrarsi su un singolo compito per 25 minuti, al termine dei quali bisogna fare 5 minuti di pausa. La regola fondamentale del pomodoro è che non si può interrompere l’attività prima del trillo del timer.
Ogni 4 pomodori puoi però concederti una pausa di 15-30 minuti.
In parole povere, il nostro pomodoro non è nient’altro che un piccolo timer. Vanno benissimo quelli da cucina, ti sconsiglio di utilizzare il telefono, perché son sicuro che tra un timer e l’altro controllerai notifiche e social vari. E a quel punto bye bye concentrazione.
Tornando al nostro timer, quando sono passati 25 minuti suona la sveglia che segnala che hai accesso ai tuoi meritati 5 minuti di pausa. Questo è un ottimo modo per espandere il tuo tempo di attenzione in maniera progressiva e graduale.

4)Integratori per migliorare la concentrazione.

Esistono in commercio diversi integratori alimentari appositamente studiati per favorire la concentrazione.
Fanno miracoli? No, non fanno miracoli. Non ti trasformeranno in una macchina, non studieranno o lavoreranno per te.
Sono utili? Sì, se contengono le giuste componenti attive possono darti un bel kick di concentrazione.
Uno dei più pratici è sicuramente Mind the Gum, un integratore alimentare sottoforma di chewing gum contentente al suo interno 15 componenti attive.
Grazie ad esse, è in grado di aiutarti nelle piccole e grandi sfide quotidiane, puoi acquistarlo direttamente sul nostro ecommerce oppure su Amazon.

Post recenti

Lascia un commento

Metodi per studiare meglioTracce prima prova e 3 consigli per superare la seconda e la terza