MUSICA CLASSICA PER STUDIARE: PERCHÉ È COSÍ EFFICACE

 In Useful information

Recenti indagini della piattaforma musicale online Spotify, sull’uso della musica rispetto ad alcune attività produttive come lo studio, hanno evidenziato che diversi studenti usano la musica classica per studiare. In particolare, coloro che ascoltano quel genere caratterizzato da 60-70 battiti al minuto hanno ottenuto un punteggio più alto, pari al +12%, nelle prove di matematica. Che significa? La musica classica per studiare aiuterebbe concretamente a migliorare la nostra produttività su libri, appunti e dispensi, contribuendo ad aumentare l’attenzione e a rendere più efficace la capacità mnemonica. In che modo? Per esempio permette di estraniarsi da ciò che c’è fuori e di rimanere più concentrati a livello mentale, senza distrazioni.

La musica classica rilassante per studiare: quale scegliere
Avrai visto anche tu, girando tra le biblioteche, coetanei e studenti più o meno grandi che ascoltano musica classica per studiare o altri generi musicali con le cuffiette nelle orecchie. Viceversa molti sostengono che non potrebbero mai studiare in questo modo. Certamente dipende da persona a persona, ma quello che trova spesso riscontro è che, tra tutti i generi musicali, il migliore è la musica classica rilassante per studiare. Meglio, infatti, evitare brani con molto ritmo, troppo aggressivi, con un tempo incalzante e testi che conosci a memoria e che ti facciano venire voglia di cantare, dimenticandoti per un attimo di formule matematiche, algoritmi, date storiche e quant’altro.

Musica classica per studiare meglio: suggerimenti
Puoi seguire qualche trucco. Immaginati la musica classica per studiare come una specie di rumore bianco di sottofondo, in accompagnamento. Fai una prova. Se vedi che non funziona, basta che tu spenga il dispositivo musicale, lo stereo o il portale online su cui navighi. Diversamente, trova la musica classica per studiare meglio che fa di più al caso tuo. Qualche suggerimento? Coi grandi classici vai sul sicuro: Beethoven, Chopin, Strauss, Mozart, Vivaldi, Tchaikovsky. Vuoi qualcosa di più contemporaneo? Prova con Giovanni Allevi o con un compositore come Yann Tiersen, che ha firmato la colonna sonora de Il favoloso mondo di Amélie.

Musica classica per studiare e MIND THE GUM®
Puoi creare una tua playlist personalizzata, in base ai tuoi gusti musicali e alle tue esigenze. Modula anche la durata: se sei abituato a studiare per 30-60 minuti consecutivamente prepara una sequenza di musica classica per studiare di almeno un’ora, un’ora e mezza. Altrimenti adegua il tutto secondo i tuoi ritmi produttivi. Vuoi migliorare la concentrazione e le tue performance mentali? Ricorda che puoi assumere anche MIND THE GUM®, un integratore alimentare disponibile in diversi formati sotto forma di chewing gum. Al suo interno contiene componenti attive per concentrazione, memoria e per combattere la stanchezza mentale. Il prodotto è stato ottenuto con una formulazione bilanciata: in ogni gomma sono presenti la dose giornaliera di Vitamine A, B e D, la quantità di Caffeina di un caffè (50 mg), uniti agli effetti di Bacopa, Griffonia, Guaranà e Biotina. Riesce a combinare un’azione immediata a un rilascio graduale per un effetto rapido e duraturo, senza creare agitazione o nervosismo, a differenza di altre sostante energizzanti. Che aspetti? Scegli la confezione che vuoi – da un mese e mezzo, un mese, venti giorni o dieci giorni – e procedi all’acquisto su Amazon e sul nostro e-commerce cliccando qui

Post recenti

Lascia un commento