BUON RIENTRO A LAVORO: 5 COMPORTAMENTI DA EVITARE

 In Useful information

Il rientro a lavoro, si sa, è difficile per tutti, specialmente dopo il periodo estivo in cui tutti mettiamo in stand-by impegni e questioni lavorative per dedicarci (giustamente) un po’ di più a noi stessi e al nostro benessere.

Affrontare la fine delle ferie senza stress e garantirci un buon rientro a lavoro con tanto di energia positiva e buoni propositi per i mesi a venire è possibile e, contrariamente a quanto si pensi, è più facile del previsto.

Tutto ciò che bisogna fare è cercare di evitare alcuni tipi di atteggiamenti che rischiano, oltre che di influire negativamente sul nostro umore, di rivelarsi controproducenti per il nostro rendimento e di compromettere i risultati finali.

Ecco perché abbiamo stilato una lista dei principali comportamenti che la maggior parte delle persone manifestano in questi casi e che devono in ogni modo essere evitati se s’intende ringranare alla grande. Leggeteli attentamente e buon rientro a lavoro a tutti!

Sovraccaricarsi fin dal primo giorno

Soprattutto se siete abituati a gestire molti task contemporaneamente, il primo giorno di lavoro vi troverete ad organizzare il calendario fissando appuntamenti molto ravvicinati tra loro e a cercare di svolgere il maggior numero di attività possibile in maniera frenetica.
Niente di più sbagliato: partire in quarta e cercare di gestire tante cose insieme non farà altro che alimentare ansia e stress. Non dimenticate che il vostro corpo e la vostra mente si sono disabituati a determinati ritmi lavorativi nelle ultime settimane e il modo migliore per riprenderli è quello di procedere gradualmente. Ripartire equamente la mole di lavoro, dedicare il primo giorno ad organizzare tutte le attività previste per le settimane a venire e concedersi qualche pausa in più del solito potranno solo aiutarvi a rientrare a pieno regime nella routine.

Andare a letto tardi fino all’ultimo giorno

È vero, a volte il tempo è poco e desideriamo godercelo fino all’ultimo. Ma a volte è meglio essere razionali e, soprattutto, lungimiranti.
Se fino all’ultimo giorno di ferie continuiamo a far tardi la sera tra cene con gli amici, feste in spiaggia e happy hour, il rientro a lavoro non potrà che essere traumatico. Il trucco è quello di riabituarsi pian piano agli orari lavorativi almeno 2-3 giorni prima di tornare in ufficio. Tanto, si sa, non si può rimandare l’inevitabile.
Quindi, ricominciate ad andare a letto presto e a svegliarvi presto al mattino, non esagerate con cocktail e serate in discoteca e cercate di riprendere uno stile di vita sano e regolare.
Vi renderete conto di come anche solo un paio di giorni di preparazione fisica e psicologica riusciranno a rendere il rientro in ufficio molto meno pesante.

Guardare il bicchiere mezzo vuoto

Le ferie sono finite, fatevene una ragione. Ripensare a tutti i bei momenti passati durante l’estate e a quanto vi siete divertiti, rimuginare su quanta poca voglia avete di lavorare mentre riguardate le vostre foto in spiaggia non farà altro che peggiorare le cose.
Pensate invece a quanto le vacanze vi abbiano ricaricato e cercate di incanalare tutta questa energia positiva nelle attività lavorative e non.
Tornare al lavoro serenamente e con la mente sgombra da pensieri negativi non potrà che giovare a voi e alla vostra produttività. Il segreto per ridurre lo stress da rientro e alimentare l’umore e l’autostima sta proprio nel saper guardare il bicchiere mezzo pieno!

Concentrarsi solo e soltanto sul lavoro

Passare in modo repentino dal tutto al niente è quanto di peggio si possa fare per rendere il rientro a lavoro ancora più scioccante.
Dopo un periodo all’insegna del relax e del divertimento, continuare a ritagliarsi degli spazi propri, da dedicare soltanto a voi stessi, è fondamentale se non volete piombare da un giorno all’altro nello sconforto più totale.
Perciò, anche se la mole di lavoro che troverete al vostro rientro è piuttosto consistente, non dimenticate di concedervi dei piccoli momenti di svago. Un’ora di sport alla sera o al mattino, un aperitivo con gli amici, una passeggiata nel parco, film o letture. Qualsiasi cosa che possa aiutarvi a staccare un po’ a fine giornata.

Non avvalersi di un piccolo aiuto

Diciamocelo chiaramente, siamo esseri umani, non supereroi. A volte ricorrere ad un piccolo aiuto è fondamentale, specialmente quando si tratta di ringranare dopo un periodo di inattività.
Per questo il miglior consiglio che possiamo darvi è quello di provare MIND THE GUM. Molto più di un semplice chewing-gum, MIND THE GUM è un integratore naturale contenente ben 15 componenti attive, tra cui caffeina, guaranà, bacopa e ginseng.
Capace di ricaricarvi e rendervi subito più produttivi e concentrati, è un vero toccasana per ripartire alla grande dopo le vacanze. Acquistalo su Amazon e sul nostro e-commerce cliccando qui.

Post recenti

Lascia un commento