RIENTRO AL LAVORO: COME GESTIRE LA PRIMA SETTIMANA

 In Useful information

Il momento più temuto dell’anno è arrivato: il rientro al lavoro dopo le ferie di agosto.
Che le vacanze siano stati divertenti e rilassanti è irrilevante: rituffarsi nella routine lavorativa rappresenta uno shock per tutti.
Sono tantissime le persone che soffrono della cosiddetta “sindrome da rientro”, che si manifesta nel periodo in cui si concludono le ferie e che è caratterizzata da una sensazione generale di ansia, demotivazione, nervosismo, irritabilità e calo drastico dell’attenzione e della concentrazione.
Anche se ricominciare a puntare la sveglia presto non è facile per nessuno, con qualche piccolo accorgimento si può attutire il trauma e rendere il rientro al lavoro un po’ più sopportabile.

1) Rientrare in città qualche giorno prima di ricominciare a lavorare

Può sembrare banale ma non lo è affatto. Ricominciare la propria routine e riprendere le proprie attività, senza lo stress e le emergenze da ufficio, riesce a rendere il rientro al lavoro un po’ più soft. Il segreto è la gradualità, il riabituarsi pian piano ai soliti ritmi, piuttosto che riprenderli in maniera repentina.

2) Dedicare i primi giorni all’organizzazione

La prima settimana è sempre la più dura, quella in cui si è ancora rilassati e calibrati sugli orari da vacanza. Una volta rientrati il rischio è quello di sentirsi sopraffatti e incapaci di gestire la mole di lavoro che si è accumulata durante l’assenza. Per contrastare questa sensazione, stilare una lista dettagliata delle cose da fare, fissare delle scadenze, organizzare un calendario delle attività è di grande aiuto per tornare ai vecchi ritmi.

3) Porsi obiettivi raggiungibili e non sovraccaricarsi

Meglio essere onesti con sé stessi: la prima settimana dopo il rientro non si possono fare miracoli. Dunque meglio non cercare di svolgere mille attività contemporaneamente e non riempire l’agenda di appuntamenti tutti ravvicinati tra loro: servirà solo ad alimentare lo stress. Porsi, invece, degli obiettivi realistici e facilmente raggiungibili può essere di grande aiuto per ringranare e non permettere alla sindrome da rientro di prendere il sopravvento.

4) Non iniziare la giornata senza un MIND THE GUM

Durante la prima settimana si fa fatica ad evitare distrazioni e ci si scorda facilmente qualsiasi cosa. Migliorare concentrazione e memoria in un colpo solo e in pochi minuti è facile con MIND THE GUM. Un vero e proprio integratore naturale in forma di chewing-gum, che unisce le proprietà dei suoi ingredienti agli effetti della masticazione sulla memoria e sulla concentrazione, per aumentare la produttività senza creare nervosismo o agitazione.

Mediante l’assorbimento sublinguale le componenti attive di MIND THE GUM entrano subito in circolazione, con un’azione rapida e un effetto duraturo. Puoi acquistarlo su Amazon e sul nostro e-commerce cliccando qui. Provalo, non te ne pentirai!

Post recenti

Lascia un commento